Che cos’è la Logistica

Logistica (o logistico) è un termine usato nel linguaggio comune per esprimere concetti diversi. Su alcuni autocarri questo termine si trova scritto a caratteri cubitali, come se logistica fosse sinonimo di trasporto merci. Nelle aziende industriali chiamano logistica le attività che riguardano il magazzino dei materiali destinati alla produzione.

Nei supermercati di alimentari il manager logistico è colui che provvede alla costante presenza degli articoli sugli scaffali del negozio. Nelle industrie della difesa logistica identifica quanto attiene il mantenimento in efficienza dei prodotti destinati alle forze armate. Per il militare supporto logistico è ciò che serve per riparare una macchina in avaria.

Sui giornali si legge che Tizio forniva supporto logistico ad un certo nucleo terrorista, intendendo che costui provvedeva al rifornimento di bombe, esplosivi e altre diavolerie del genere, ma non prendeva parte all’azione. Viene da chiedersi che cosa sia in definitiva questa Logistica.

Il termine Logistica è originario del mondo militare. La Logistica è, insieme a Strategia e Tattica, una delle tre basilari discipline militari, ed è quella che si occupa delle esigenze del “materiale umano” incaricato di mettere in atto quanto stabilito nei piani strategici e tattici.

Il rifornimento di truppe lontano dalla base di quanto necessario per il loro sostentamento e lo svolgimento delle azioni assegnate è essenziale per il successo della missione. Già gli antichi Romani dovevano tenere ben in conto i problemi logistici. Provvedere le legioni operanti lontano da Roma di cibo, vestiario, armature, lance, spade era essenziale per la conquista e il controllo di nuovi territori.

Ai tempi di Napoleone inoltre c’era da occuparsi anche dei cannoni, dei fucili e delle relative munizioni. Ma è con la seconda guerra mondiale che si è compresa la grande importanza della Logistica. I successi delle Forze Armate degli Stati Uniti in teatri così lontani dal proprio paese sono in gran parte dovuti alla loro eccezionale macchina logistica.

Le diverse definizioni che si trovano sui vocabolari del termine Logistica fanno tutte riferimento al settore militare.

L’Oxford Concise Dictionary definisce “Logistica come quel ramo dell’arte militare che abbraccia i dettagli del trasporto, alloggiamento e rifornimento delle truppe”. Lo Webster Dictionary fornisce una definizione più attuale di Logistica, identificandola con “l’ottenimento, la manutenzione ed il trasporto del materiale militare, delle infrastrutture e del personale”.

Analoghe definizioni sono riportate nei dizionari italiani. Il Dizionario Garzanti dice: “la Logistica è quella parte dell’arte militare che studia ed organizza rifornimenti, trasporti, movimenti dell’esercito”. Il Dizionario Devoto-Oli definisce “Logistica come tecnica organizzativa dei rifornimenti necessari ad un esercito in guerra”.

Tutte queste definizioni sono incomplete; in particolare i dizionari italiani limitano le definizione ad una sola Forza Armata, l’Esercito, mentre la Logistica interessa anche Marina ed Aeronautica (e non solo in guerra).

Oggigiorno i problemi legati al sostentamento delle truppe dell’esercito, degli equipaggi delle navi, del personale degli aeroporti, che sono comuni problemi di approvvigionamento e distribuzione di merci (logistica della distribuzione), sono eclissati dai superiori problemi connessi all’acquisizione, all’uso e alla manutenzione dei complessi sistemi d’arma impiegati (logistica dei sistemi). Nell’era delle macchine, l’attenzione si è spostata dal mantenimento dell’uomo al mantenimento delle macchine.

Oggi col termine Logistica nel mondo della Difesa si intende generalmente l’insieme di attività relative all’acquisizione e gestione di importanti sistemi d’arma (carri armati, aerei da combattimento, aerei da trasporto truppa, elicotteri, navi da guerra, sommergibili, radar, sistemi missilistici, ecc.), di prodotti cioè che hanno costi di acquisto e di esercizio considerevoli e una vita utile lunga (una nave anche oltre 30 anni, 20 anni un aereo).

La corretta gestione dei sistemi d’arma, ossia il loro uso appropiato e il mantenimento della loro efficienza durante tutta la vita operativa, la si può ottenere solo disponendo di adeguate risorse, in uomini e mezzi, ossia di personale operativo e di manutenzione addestrato, di parti di ricambio, di attrezzature, di manuali tecnici, di officine di riparazione (le cosiddette “risorse di supporto logistico”).

E’ compito delle aziende operanti nel settore difesa identificare le risorse di supporto logistico più efficaci e di costo contenuto per ogni sistema d’arma di nuova acquisizione. Problematiche analoghe sono incontrate da altri come per esempio dall’Ente Ferrovie nell’acquisizione e gestione di locomotori, carrozze ferroviarie, degli Enti di produzione e distribuzione di energia elettrica, gas, dalle compagnie aeree, ma anche da qualsiasi industria per quanto riguarda acquisizione ed esercizio di macchine di produzione, di mezzi di trasporto, di impianti importanti, di immobili, ecc., ossia di beni di investimento, beni che durano nel tempo e per i quali è opportuno considerare non solo il costo iniziale di acquisto ma anche i costi di esercizio (o costi connessi alla propietà, ownership costs).

Dal campo militare il concetto di Logistica è migrato al settore industriale, commerciale (Business Logistics).

Qui Logistica è definita come “la funzione manageriale che gestisce il flusso dei materiali, a partire dall’acquisto della materia prima fino alla consegna del prodotto finito all’utilizzatore finale” (Magee, Industrial Logistics), o come: “il processo di gestione degli spostamenti di materiali grezzi, parti, prodotti finiti fra venditori, succursali di vendita e clienti” (Bowersox, Logistics Management), o ancora come: “la gestione di tutte le attività che facilitano la movimentazione dei prodotti e il coordinamento dei rifornimenti in funzione della domanda” (Glaskowsky-Hudson-Ivie, Business Logistics).

La Society of Logistics Engineers (SOLE), una organizzazione internazionale alla quale appartengono migliaia di persone che si occupano di problemi logistici, ha formulato questa definizione più generale di Logistica:

“la Logistica è l’arte e la scienza manageriale e tecnica che riguarda definizione dei requisiti, progettazione, fornitura e manutenzione delle risorse necessarie a supporto obiettivi, piani ed operazioni”.

Questa è senz’altro una definizione completa che copre tutti gli aspetti sia quelli specifici del mondo della difesa che gli altri comuni nel campo civile, industriale e commerciale. In termini più semplici Logistica si può altresì definire come “l’insieme delle attività che assicurano che l’oggetto giusto si trovi nella richiesta quantità, al posto giusto e al momento opportuno al fine di svolgere una determinata operazione”, cioè quella che in USA chiamano la legge delle quattro R: the Right Good, in the Right Quantity, at the Right Place at the Right Time.

In pratica la Logistica ha due campi di applicazione principali, o in altri termini si può dire che esistono due tipi di Logistica:

  • La Logistica dei Sistemi (o di Supporto al Prodotto), che si occupa del supporto dei prodotti per tutto il loro ciclo di vita, a partire dalla progettazione, durante la vita operativa fino alla messa fuori servizio. Interessa i prodotti industriali di rilevante complessità (aerei, navi, elicotteri, carri armati, radar, stazioni spaziali, treni, centrali elettriche, ecc.) ed è nata e largamente applicata in campo militare. Generalmente questa Logistica è detta “Supporto Logistico Integrato” dall’americano Integrated Logistics Support, abbreviato in ILS;

  • La Logistica Industriale e Commerciale (Business Logistics) che riguarda prevalentemente i prodotti industriali comuni (generi alimentari, articoli di abbigliamento, elettrodomestici, computer, televisori, ecc.) e che comprende due famiglie di attività: 1) le attività di Supporto alla Produzione che hanno la funzione di supportare la Produzione attraverso l’approvvigionamento dei materiali richiesti per la fabbricazione dei prodotti, ricezione delle merci, la gestione dei magazzini dei materiali (Logistica della Produzione); 2) le attività di Supporto al Marketing che riguardano la distribuzione dei beni attraverso la gestione dei magazzini dei prodotti finiti, l’imballo, la spedizione (Logistica della Distribuzione).

Qualsiasi industria ha a che fare sia con l’una che con l’altra, seppur in forme e con pesi diversi. Al manager di una ditta che non opera nel settore della difesa, la conoscenza dei concetti e dei criteri che pilotano il militare nell’acquisizione di un sistema d’arma può essere preziosa, e può servire come linea-guida nella scelta più appropiata di complessi e costosi mezzi di produzione, collaudo od altro, e come strumento per misurare caratteristiche importanti per la qualità dei propi prodotti. Le attività di Business Logistics, specie quelle di supporto alla produzione, sono ben presenti anche nelle industrie che producono solo apparati per la difesa.

E la prima logistica, quella del sostentamento delle truppe? Il processo di rifornimento e distribuzione al personale delle Forze Armate di cibo, indumenti, armi comuni, come fucili, pistole, munizioni, è un tipico processo di logistica distributiva….