Il mobbing sessuale

 Il mobbing è una “Sindrome Psicosociale Multidimensionale” 

Nella molestia sessuale si ha un comportamento di avvicinamento a scopo sessuale, portato avanti da una persona verso un’altra che evidentemente non desidera e rifiuta questo tipo di contatto. Le molestie sessuali non necessariamente sono sintomo diretto di mobbing, possono costituire più che altro la base di partenza di una strategia di mobbing. 

Possono anche fungere da tramite, da fase preparatoria al vero e proprio mobbing sessuale, che spesso è la vendetta, la ritorsione del molestatore respinto. Ma questo tipo particolare di vessazione può anche esistere in assenza di iniziali molestie. Le azioni mobbizzanti in questo caso sono calunnie, pettegolezzi, diffamazioni sulle abitudini sessuali della vittima. I mobbers preferiscono attaccare una vittima del loro stesso sesso: due mobbers uomini su tre se la prendono con un uomo, mentre ben tredici mobbers donne su quattordici mobbizzano una donna. 

Gli uomini inoltre sono tendenzialmente più mobbers delle donne e non disdegnano però nemmeno una vittima donna: circa un terzo di mobbers maschili sceglie una vittima femminile. In questi casi è ragionevole pensare che entri in gioco il fattore delle molestie sessuali, che possono configurarsi spesso come mobbing a sfondo sessuale.