13 Febbraio 2020

Prevenzione dei rischi nei laboratori di analisi e di ricerca

Le attività svolte in un laboratorio di analisi sono molteplici e il principale rischio per gli operatori è il rischio biologico. Gli agenti biologici infettivi (virus e batteri) sono classificati in quattro gruppi di rischio secondo il criterio della patogenicità, ovvero la capacità che hanno di causare una malattia nell’uomo. Nella classificazione si tiene conto della velocità di diffusione dell’eventuale malattia dal soggetto alla popolazione, nonché della disponibilità di misure profilattiche e terapeutiche.

Classificaione degli agenti biologici

Gruppo I- Basso rischio individuale e collettivo. Microrganismi che difficilmente causano malattie negli animali e nell’uomo

Gruppo II – Moderato rischio individuale, limitato rischio collettivo. Microrganismi che possono causare malattie negli animali e nell’uomo, per le quali esistono efficaci trattamenti di prevenzione. Il rischio di diffusione è limitato.

Gruppo III – Elevato rischio individuale, basso rischio collettivo. Microrganismi che causano serie malattie nell’uomo ma che generalmente non si diffonde da un individuo infetto ad uno sano. Sono disponibili efficaci misure profilattiche e terapeutiche.

Gruppo IV – Elevato rischio individuale e collettivo. Microrganismi che producono gravi malattie negli animali e nell’uomo e che possono essere prontamente trasmesse da un individuo all’altro. Non sono disponibili di norma efficaci misure profilattiche e terapeutiche.

Categoria: Clinica, Psicologia e Salute | Commenti disabilitati su Prevenzione dei rischi nei laboratori di analisi e di ricerca