Novembre 1 2016

Il differente ruolo dell’ospedale

La progettazione di un servizio di assistenza domiciliare (AD) comporta la conoscenza delle differenze esistenti tra una assistenza erogata in ambiente protetto come un ospedale o una casa di cura e la stessa assistenza fornita sul territorio. Per comprendere a fondo queste differenze è necessario brevemente ricordare il ruolo sociale svolto dalle strutture ospedaliere nel corso dei secoli.

In origine gli ospedali prima di divenire un luogo di cura sono nati come punto di ricovero per malati, viandanti o poveri privi di un domicilio. Inizialmente l’aspetto assistenziale è stato prioritario rispetto al momento terapeutico e solo con il passare del tempo ed i progressi della medicina l’aspetto curativo ha assunto un ruolo fondamentale.

Nel corso del tempo il miglioramento delle modalità terapeutiche ha trasformato gli ospedali da un luogo di semplice ricovero per i meno abbienti in un punto di riferimento per tutte le persone che necessitavano di un’aiuto medico a prescindere dal tipo di patologia.

In questi ultimi decenni la trasformazione si è notevolmente accentuata in seguito alla progressiva perdita da parte della famiglia di un ruolo di sostegno sociale verso i malati o gli anziani; questo ha trasformato gli ospedali da semplice luogo di cura in posti ove parcheggiare i malati e gli anziani bisognosi di assistenza.

In altre parole gli ospedali con il tempo sono passati da una fase in cui erano il luogo di cura delle più svariate patologie, per divenire, negli ultimi decenni, il luogo ove al termine della fase di cura subentra l’onere di assistere coloro che non possono essere rimandati a casa per mancanza di un sostegno familiare.

La conoscenza di queste trasformazioni sociali è di estrema importanza nel comprendere le scelte necessarie per poter organizzare un servizio di assistenza territoriale che soddisfi le esigenze del cittadino.

F.A.


Tag:, ,
Copyright Afis 2020. All rights reserved.

Pubblicato 01/11/2016 da Fabrizio Artelli nella categoria "Assistenza domiciliare", "Clinica", "Cronicità

Riguardo l’Autore

Psicologo e Psicoterapeuta Tel.: 375.544.1862 (per appuntamento)