Maggio 1 2018

Le conseguenze psicologiche delle violenze sessuali

Il primo studio approfondito sull’impatto delle violenze sessuali sui bambini, usando uno strumento standardizzato, viene eseguito da Gomes-Schwartz et al. Queste indagini valutarono i livelli di turbamento emotivo di 156 bambini violentati, osservati e trattati in una clinica per pazienti esterni per un periodo di due anni usando la Louisville Behavior Checklist.

I bambini violentati vennero suddivisi in gruppi prescolastici (dai 4 ai 6 anni), scolastici (dai 7 ai 13 anni), e di adolescenti (dai 14 ai 18 anni). Il campione era composto per il 78% di ragazze e per il 22% di ragazzi. Soltanto il 17% dei soggetti in età prescolastica soddisfacevano i criteri corrispondenti ad una psicopatologia clinicamente significativa, mentre il 40% dei bambini di età scolastica e il 24% degli adolescenti mostravano di avere delle compromissioni significative.

I sintomi comuni di questi bambini comprendevano ansie, paure, depressione, comportamento distruttivo rabbioso, reazioni fobiche e deficit dello sviluppo intellettivo, fisico e sociale.

Ogni gruppo di bambini violentati mostrò maggiori problemi di comportamento dei bambini normali di pari età, però minori problemi dei bambini che frequentavano una clinica psichiatrica per pazienti esterni. Il significativo aumento della psicopatologia, mostrato dal gruppo in età scolastica, venne attribuito alla loro maggiore consapevolezza della natura deviante della violenza sessuale paragonato al gruppo dei soggetti in età prescolastica.

La percentuale sorprendentemente bassa di psicopatologia fra gli adolescenti può essere stata la conseguenza di un errore di campionamento, in quanto i minorenni più disturbati potevano essere scappati di casa o essere entrati in affidamento presso famiglie o presso strutture psichiatriche o correzionali.

I difetti di questo studio sono la mancanza di un vero gruppo di controllo e di informazioni attendibili ricavate da un genitore piuttosto che dai bambini direttamente. La misura del grado di psicopatologia era basata su norme riferite a gruppi di bambini sani e pazienti esterni di un centro di psichiatria infantile.

A questo studio seguì una ricerca controllata più rigorosamente volta ad identificare le conseguenze immediate e quelle a lungo termine di una violenza sessuale. Le espressioni più significative di danno psicologico, che sono state rilevate nei bambini violentati, sono ansia e reazioni fobiche, depressione, aumento dell’aggressività e disturbi nel comportamento sessuale e nel ruolo sessuale.

Continua…

Carozza P.M., Heirsteiner C.L., “Young female incest victims in treatment: stages of growth seen with a group art therapy model”, Clinical Social Work Journal, 1993


Tag:,
Copyright Afis 2020. All rights reserved.

Pubblicato 01/05/2018 da Fabrizio Artelli nella categoria "Età evolutiva

Riguardo l’Autore

Psicologo e Psicoterapeuta Tel.: 375.544.1862 (per appuntamento)