Agosto 1 2018

Le arti al tempo di Augusto

Nell’arte, l’epoca di Augusto se non è ricca di originalità non è neppure un’età accademica di pura imitazione; se mai, di travaglio e di profonda trasformazione del gusto in tutti i generi.

Non si potrebbe spiegare la nascita del grande rilievo storico romano che avrà le sue alte espressioni d’arte, e non si potrebbero comprendere certi fenomeni artistici dell’età di Adriano e degli Antonini, se non avessimo conoscenza dei piccoli e talora frammentari rilievi della fine dell’età repubblicana ed augustea, della monetazione dei denari argentei tardo-repubblicani e, soprattutto, dell’eccletismo di gusto ellenistico dell’epoca augustea.

Il ritorno al passato non avviene mai, in questa età, senza un’elaborazione evidente, nella quale si crea sempre qualcosa di nuovo e di originale, come rivelano le pitture della villa di Livia di Prima Porta.

In questo senso, il nostro giudizio sull’arte di questo periodo non può essere che positivo. Le nuove energie che si delineano dovunque in questa età sono appunto l’espressione di una vita artistica nuova, che non è accademica ma sintesi viva di nuove forme.

Tutto su Roma antica.


Tag:
Copyright Afis 2020. All rights reserved.

Pubblicato 01/08/2018 da Fabrizio Artelli nella categoria "Storia

Riguardo l’Autore

Psicologo e Psicoterapeuta Tel.: 375.544.1862 (per appuntamento)