Agosto 27 2018

Il rapporto tra medico e malato

Parlando dell’anamnesi ho  riferito la convinzione di Ippocrate che il malato debba comprendere e quindi essere aiutato a interpretare la storia del proprio male.

Procedendo nel rapporto con il paziente, però, il medico dovrà sempre ricordare che questi è prima di tutto un uomo sofferente, che abbisogna di comprensione e di conforto.

Inoltre, il paziente ha in sé le forze risanatrici della natura, che il medico deve risvegliare, in modo da guidare il corpo verso la guarigione. Questo perciò non dipende dal medico ma dalla collaborazione tra lui e il paziente.

Ippocrate disse: “L’arte ha tre momenti, la malattia, il malato e il medico. Il medico è il ministro dell’arte: si opponga al male il malato insieme con il medico”.

Medicina e natura


Tag:,
Copyright Afis 2020. All rights reserved.

Pubblicato 27/08/2018 da Fabrizio Artelli nella categoria "Medicina Naturale

Riguardo l’Autore

Psicologo e Psicoterapeuta Tel.: 375.544.1862 (per appuntamento)