Novembre 15 2019

Il modello dello stress psicosociale di Barbara Dohrenwend

Il modello integrato elaborato da Barbara Dohrenwend (1978), è basato sul concetto unificante di stress psicosociale, che include una dimensione temporale e consente di focalizzare sia le tematiche centrate sulla persona sia quelle centrate sull’ambiente.

Quando un evento stressante si presenta sulla scena, genera una serie di reazioni che sono solitamente transitorie; quello che succede in seguito dipende dalla mediazione sia di fattori situazionali, quali i sistemi di sostegno sociale, materiale ed economico, che di fattori psicologici, come per esempio i valori e le abilità di coping. Da questa complessa interazione dipende l’andamento della situazione problematica; in particolare l’Autrice distingue tre differenti esiti possibili:

  1. La persona può crescere e cambiare in senso positivo, come risultato della sua capacità di padroneggiare l’esperienza;
  2. Può ritornare ad uno stato psicologico per lei normale;
  3. Può sviluppare una forma di psicopatologia, definita dall’Autrice come una reazione disfunzionale persistente.

Un altro aspetto importante del modello consiste nell’indicare le possibilità d’intervento a diversi punti del processo analizzato: oltre l’intervento terapeutico, necessario quando l’esito finale è psicopatologico, Dohrenwend sostiene che si possa intervenire molto prima, attraverso servizi di “intervento sulla crisi”.

Questo modello ha il merito di focalizzare l’attenzione su una visione olistica dei problemi, mostrando come essi siano inseriti nel contesto sociale, e come sia necessario sviluppare teorie che tengano in considerazione “la persona-in-una-situazione”.



Copyright Afis 2020. All rights reserved.

Pubblicato 15/11/2019 da Fabrizio Artelli nella categoria "Lo Stress

Riguardo l’Autore

Psicologo e Psicoterapeuta Tel.: 375.544.1862 (per appuntamento)