Marzo 21 2020

Fattori fisici e psicologici della paura

“Non devo avere paura. La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l’annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura, permetterò che mi calpesti e mi attraversi.

E quando sarà passata, aprirò il mio occhio interiore e ne scruterò il percorso. Là dove andrà la paura non rimarrà più nulla. Soltanto io ci sarò”.

Frank Herbert

Mentre le reazioni alla paura e allo stress o all’ansia in larga parte sono le stesse, di solito l’ansia non è intesa come la paura e persiste per più tempo, portando poi a una problematica o a una paura specifiche. Per esempio, ascoltare alla radio un comunicato di emergenza che annuncia l’approssimarsi di un disastro ci causerà stress e ci renderà ansiosi. Sentire la nostra casa, i nostri affetti, colpiti dal disastro, indurrà paura.

Sintomi fisici della paura:

  • Accelerazione del battito cardiaco
  • Respiro affannoso
  • Stretta al petto e alla gola
  • Bocca secca e tono di voce più acuto, balbettamento
  • Aumento della tensione muscolare, tremori e debolezza
  • Sudore ai palmi delle mani, ai piedi e alle ascelle
  • Pupille dilatate
  • “Farfalle” nello stomaco (senso di vuoto), mancamenti e nausea
  • Ipersensibilità al rumore.

Sintomi psicologici della paura:

  • Shock, intorpidimento, negazione, senso d’impotenza
  • Confusione, smemoratezza e incapacità di concentrarsi
  • Irritabilità, ostilità o passività, torpore
  • Loquacità e successiva incapacità di parlare
  • Agitazione
  • Panico, fuga
  • Sensazione d’irrealtà, isolamento sociale e depersonalizzazione
  • Tristezza, pianto, sospiri
  • Allucinazioni visive e uditive
  • Sonno interrotto e discontinuità nell’appetito.


Copyright Afis 2020. All rights reserved.

Pubblicato 21/03/2020 da Fabrizio Artelli nella categoria "Psicologia e Salute

Riguardo l’Autore

Psicologo e Psicoterapeuta Tel.: 375.544.1862 (per appuntamento)