Il primo astrologo professionista

Reading Time: < 1 minute

Nostradamus iniziò la sua fortunata attività di indovino nel 1550, quando aveva ormai cinquant’anni. I suoi poteri erano già consolidati da tempo. Ma la sua fortuna economica si accrebbe notevolmente, a partire da quel momento.

Egli fu uno dei primi astrologi di massa della storia. Prima di dedicarsi alle Centurie pubblicò, a grande tiratura, degli Almanacchi, dei Grandi pronostici e dei Presagi meravigliosi che ebbero un enorme successo di mercato.

Gli almanacchi erano di moda: tutti li compravano non solo per conoscere l’avvenire, ma per sapere quando raccogliere l’uva, imbottigliare il vino, uccidere il maiale o bastonare (di tanto in tanto) la moglie. In seguito agli almanacchi, best seller della sua produzione gutemberghiana, il Saggio di Salon, che aveva un fiuto non comune per gli affari, editò un ricettario di cosmesi, che pare andasse a ruba tra le signore attempate, alla ricerca di miracolosi rimedi contro il tempo.

Il Traité fardements et senteurs fu un colpo di genio poiché, entrando nel campo magico della bellezza, il veggente divenne un precursore della moderna industria cosmetica che vende, oltre al prodotto, l’illusione dell’eterna giovinezza. Per completare la sua opera di mago dell’editoria Nostradamus scrisse anche un opuscolo, molto apprezzato, sulle marmellate: sapori e dolcezza squisite, ottenute ovviamente con procedimenti segreti.

Please follow and like us: