Programmi nutrizionali integrativi (Sfp)

Reading Time: < 1 minute

Tali programmi, mirati o generali, forniscono a determinati gruppi a rischio, in aggiunta alla razione generale e per tempo limitato, degli alimenti integrativi, sotto forma di alimenti non cucinati da portare a casa, o di cibi cotti da consumare sul posto.

Un Sfp mirato si propone la riabilitazione di quanti soffrono di malnutrizione modica. Può trattarsi di bambini, adulti, anziani, o di individui selezionati per ragioni mediche o sociali: ad esempio, donne incinte o che allattano e malati. È questo il tipo più comune di programma nutrizionale integrativo.

Un Sfp generale fornisce alimenti integrativi (e/o micronutrienti) a tutti i componenti di uno specifico gruppo vulnerabile, indipendentemente dal loro stato nutrizionale individuale, per prevenire il suo deterioramento nei gruppi più a rischio (in genere, bambini sotto i 5 anni, gestanti e madri che allattano).

I programmi nutrizionali integrativi possono essere realizzati fornendo razioni “umide” o “asciutte”.

Programmi nutrizionali terapeutici (Tfp)

Un Tfp mira a ridurre la mortalità fra i neonati e i bambini in tenera età, affetti da grave malnutrizione da carenza proteico-energetica (Protein-Energy Malnutrition – Pem). In genere, il programma è mirato al gruppo dei bambini sotto i 5 anni che presentano una malnutrizione grave.

L’alimentazione terapeutica può essere attuata sia in appositi centri nutrizionali, sia in ospedale o ambulatorio. Il Tfp comporta una terapia medica e nutrizionale intensiva. Per la cura dei bambini gravemente malnutriti si utilizza latte terapeutico; se questo, però, non è disponibile, si può ricorrere al latte iperproteico (latte scremato in polvere, olio e zucchero), miscelandolo con vitamine e minerali.

Please follow and like us: