Studio Afis Blog

Psicologia Psicoterapia Salute

  •   +393755441862
  •   studioafis@gmail.com

Psicologo

Che cos’è la psicologia
Secondo una sintetica  definizione, la Psicologia é la scienza che studia il comportamento umano e che cerca di comprendere ed interpretare i processi mentali ed affettivi che lo determinano. La Psicologia, che ha storia e tradizioni consolidate dal secolo XIX, nasce nell’ambito delle scienze filosofico-umanistiche per aprirsi successivamente alla metodologia di studio e di ricerca delle scienze naturali, ed adottarne i criteri di sperimentazione, osservazione e quantificazione.
Tra gli oggetti di studio e di approfondimento di questa disciplina citiamo ad esempio la memoria, l’intelligenza, l’apprendimento, la comunicazione, le emozioni, l’affettività, la motivazione, la frustrazione , l’aggressività, il conflitto; ed ancora le relazioni, le forme organizzative ed i gruppi, la personalità e la sfera dell’inconscio.

Quali sono i settori e gli ambiti della psicologia
Diversi sono i settori e gli ambiti della Psicologia, alcuni di consolidata tradizione ed altri emergenti; tutti in continuo approfondimento ed ampliamento. Tra questi citiamo:

·  Psicologia sperimentale: comprende l’ambito della ricerca di base ed applicata, le Neuroscienze, la Psicometria e gli studi sulla struttura e le funzioni della personalità.

·  Psicologia clinica: comprende aree importanti quali la  Psicologia ospedaliera, la Psicodiagnostica, la Neuropsicologia clinica, la Psicologia delle disabilità e della riabilitazione, la Psicologia delle dipendenze patologiche e soprattutto la Psicoterapia di cui parleremo più avanti.

·  Psicologia sociale applicata: comprende ad esempio la Psicologia della salute, la Psicologia di comunità, la Psicologia dell’anziano, la Psicologia della interculturalità (tutti settori in grande espansione) ed altri ancora.

·  Psicologia del lavoro e delle organizzazioni: comprende a sua volta la Psicologia delle risorse umane, la Psicologia del lavoro, la Psicologia dell’organizzazione, a Psicologia dell’orientamento professionale, la Psicologia della formazione professionale, la Psicologia del marketing e della comunicazione pubblicitaria, la Psicologia ergonomica.

·  Psicologia dello sviluppo e dell’educazione: in questa macro-area sono compresi settori importanti quali la Psicologia dello sviluppo, la Psicologia dell’adolescenza, la Psicologia dell’educazione, la Psicologia scolastica, la Psicologia della formazione, la Psicologia dell’apprendimento, la Psicologia dell’orientamento scolastico e professionale.

·  Psicologia giuridica e forense: si occupa di adozioni e affidi minorili, separazioni, divorzi, consulenze e perizie per i Tribunali anche in relazione ad eventuali abusi e maltrattamenti.

·  Psicologia penitenziaria e criminologia: più mirata sugli interventi nelle carceri e nelle case di detenzione.

· Psicologia della religione: si occupa dei sentimenti e dei vissuti religiosi delle persone.

· Psicologia militare: molto sviluppata in altri Paesi, ora in espansione anche da noi soprattutto per i militari coinvolti in missioni di “peace keeping” (“mantenimento della pace”).

· Psicologia viaria: impegnata in ricerche sulla percezione, sull’attenzione e sulla prevenzione degli incidenti stradali.

· Psicologia delle emergenze: si occupa di interventi per l’elaborazione del lutto e per il trattamento del disturbo post-traumatico da stress di vittime e soccorritori nelle emergenze individuali e collettive.

· Psicologia dello sport: a favore di atleti che praticano attività individuali o di squadra e per le Società Sportive.

Chi è e cosa fa lo psicologo
Si legge nell’articolo 1 della L.56/89: “La professione di Psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito”. Lo Psicologo opera sia nel settore privato (come libero professionista o esercitando in strutture private e/o convenzionate), che nel settore pubblico (Aziende U.S.L., Servizi socio-sanitari dei Comuni, Province, Regione ed altri Enti locali).

Quali sono gli strumenti operativi della psicologia
Lo strumento principale è il colloquio, che può avvalersi anche di strumenti di misurazione come test, questionari e scale di misurazione.
I test psicologici possono essere di vari tipi: attitudinali, di intelligenza e di personalità.
Il colloquio, i reattivi e la ricerca psicologica possono trovare molteplici applicazioni ed avere come oggetto di osservazione un individuo o un gruppo di persone.
Strumento fondamentale, infine, è la personalità dello Psicologo, che entra attivamente in relazione con l’oggetto della sua osservazione e della sua valutazione nella cosiddetta “osservazione partecipata”.

Chi si rivolge allo psicologo
Si può rivolgere allo Psicologo chiunque avverta la necessità di una consulenza specialistica: dalla persona in difficoltà alla famiglia che intende adottare un bambino, al genitore che desidera migliori relazioni con i figli, agli operatori sociali che richiedono consulenze e collaborazioni, agli imprenditori od aziende per affrontare problematiche relazionali e/o organizzative, allo sportivo per la sua preparazione psicofisica. Questi sono solo alcuni esempi tra i tanti possibili.
Si avvalgono dello Psicologo, pertanto: singoli cittadini, servizi sociali, scuole, cooperative sociali, consultori familiari (pubblici e privati), tribunali, istituti bancari, istituti di pena, istituti di ricerca, studi legali, gruppi sportivi, ecc.

La formazione dello psicologo
La formazione universitaria dello Psicologo è suddivisa in due fasi: la prima omogenea e di base, la seconda più specifica e di indirizzo. Nella prima fase, oltre allo studio di tutte le materie inerenti la Psicologia, si acquisiscono conoscenze anche in ambito medico, sociologico, biologico, statistico ed informatico.
Nel corso della seconda fase si approfondisce la materia di studio dell’indirizzo scelto (Psicologia clinica, Psicologia Sociale e di Comunità, Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni, ecc.).
Il tirocinio, della durata di un anno, é effettuato con la supervisione di un tutorprofessionista iscritto all’Albo che vigila sulla formazione del neolaureato, lo accompagna e lo sostiene.
Anche durante il corso di laurea sono previsti periodi di collaborazione con strutture pubbliche o private: si tratta delle cosiddette “Attività Formative Pratiche” (A.F.P.).
L’ultima tappa é l’Esame di Stato che consente l’iscrizione all’Ordine e l’accesso alla professione.
Per accedere alle Aziende Sanitarie e ad Ospedali Pubblici occorre un’ulteriore specializzazione quadriennale. Gli Psicologi, così formati, sono facilmente reperibili sia nei Servizi Sanitari, nelle Istituzioni pubbliche, sia in moltissimi studi professionali privati, capillarmente presenti sul territorio regionale e nazionale.

Lo psicologo e le altre figure professionali
Lo Psicologo collabora con altre figure professionali: in particolare con il medico di base, il pediatra, lo psichiatra, il dietologo, ma anche con altri professionisti come ad esempio il giudice, l’avvocato, l’insegnante, l’assistente sociale, l’educatore professionale.

L’ordine degli psicologi
La formazione di base minima per accedere all’Albo é stabilita per legge, ed è attualmente di due tipi: Laurea Specialistica (“Classe universitaria 58/S”) di 5 anni, al termine della quale si accede alla sezione A dell’Albo e si è quindi “Psicologi” a tutti gli effetti; Laurea triennale (“Classe universitaria 34”) al termine della quale si accede alla sezione B dell’Albo con la qualifica di “Dottore in tecniche psicologiche” e competenze ridotte rispetto a quelle dello Psicologo.
In particolare, quindi, per definirsi oggi PSICOLOGI occorrono: una laurea da conseguire in 5 anni di studio presso un Ateneo italiano, un successivo anno di tirocinio e il superamento dell’Esame di Stato. La legge di riferimento per la Psicologia in Italia (L.56/89) prevede anche l’iscrizione all’Ordine Professionale, che funge da garante per il corretto comportamento tecnico e deontologico del singolo Iscritto all’Albo.
L’Ordine degli Psicologi é pertanto teso a difendere gli interessi dell’utenza ed a garantire la qualità del lavoro del professionista, anche attraverso il suo Codice Deontologico che si ispira ai seguenti “principi fondamentali”: Rispetto dei diritti fondamentali della persona, della sua autonomia e della sua dignità, come sancito dalla “Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo” e dalla Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia; Responsabilità individuale, professionale e sociale dello Psicologo; Integrità, onestà, probità a livello individuale e professionale; Autonomia ed identità professionale; Competenza (intesa sia come conoscenze delle tecniche sia come “consapevolezza” delle proprie capacità e dei propri limiti); Promozione attiva del benessere individuale e sociale (tutto ciò a tutela complessiva dell’utente, del committente, del gruppo professionale e del singolo professionista).